Padri separati

26 settembre 2016

In Italia, ormai da tempo, la situazione dei padri separati è, a dir poco, drammatica. Recenti studi sul tema hanno dimostrato che circa il 15% dei padri separati si ritrova alla fine del mese con un reddito che oscilla dalle 100 euro alle 400 euro, per far fronte al mantenimento per le ex mogli e i figli.

La presenza dei padri separati è sempre più forte, infatti, anche all’interno delle mense dei poveri. Qualche mese fa è stata presentata al Consiglio dei Ministri una proposta di legge da parte della Regione Friuli Venezia Giulia nella quale si prevede la possibilità di introdurre sia un assegno mensile a sostegno dei padri divorziati e sia una maggiore attenzione nei confronti di questi soggetti, in relazione alle graduatorie per gli alloggi pubblici.

A livello nazionale, infatti, vi sono state numerose proteste di padri che si ritrovano in cattive condizioni economiche e che purtroppo sono costretti a trascorrere pochissimo tempo con i loro figli, nonostante l’affido condiviso. Bisogna ricordare, infatti, che il fulcro e l’elemento principale che il Giudice deve tenere in considerazione nel momento in cui emette i provvedimenti che andranno a regolare la vita familiare è rappresentato, in via esclusiva, dal superiore interesse del minore.

È evidente che la regolamentazione dell’esercizio della “responsabilità genitoriale” da parte del Giudice rappresenta una delle fasi più complesse del processo di famiglia in quanto dovrà valutare delle prospettazioni familiari spesso opposte e che tendono a mettere in cattiva luce la controparte.

In questo contesto, pertanto, diviene fondamentale la tutela del padre poiché, nella maggior parte dei casi, la legge sull’affido condiviso (legge n. 54/2006) viene applicata in maniera distorta e non secondo lo spirito della stessa, con il risultato di creare nella società una totale insoddisfazione rispetto a come le vicende della separazione vengono trattate e gestite, dando vita a problematiche di carattere economico non indifferenti.

Nonostante sia già presente nel nostro ordinamento una normativa che può essere considerata la stella polare del processo di famiglia, la già citata legge n. 54/2006, sarebbe necessario, forse, un intervento del Governo per risistemare gli aspetti delicati della separazione in quanto, sostanzialmente, i padri separati non risultano tutelati e lo dimostrano, altresì, le già citate e numerose manifestazioni di protesta che si stanno svolgendo recentemente nel nostro paese.

Archivio news

 

News dello studio

ott29

29/10/2018

COMPENSI SPETTANTI ALL'AVVOCATO

Con Ordinanza n. 25992 del 17 ottobre 2018, la Corte di Cassazione ha ribadito il proprio consolidato orientamento in tema di liquidazione del compenso dell'avvocato difensore, secondo il quale la misura

mag25

25/05/2018

Aggiornamento sulla Privacy

INFORMATIVA TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI   (ART. 13 e14 REG. UE 2016/679)   Ai fini previsti dal Regolamento Ue n. 2016/679 relativo alla protezione delle persone fisiche con riguardo

ott8

08/10/2016

La Cassazione restituisce ai Medici Legali i Ferri del Mestiere

Una recentissima sentenza della Suprema Corte (Cass. Civile sent. 26 settembre 2016 n. 18.773) chiude le porte del caos spalancate da incauti obiter dicta della Corte Costituzionale, affermando

News

ago16

16/08/2022

Il procedimento di intimazione di sfratto

I presupposti, la forma dell’intimazione,

ago16

16/08/2022

La nomina fiduciaria nel giudizio penale

Il nostro ordinamento penale prevede l’obbligatorietà